Supporto alla gestione dei beni confiscati. Ammissione a finanziamento del progetto “AgRigeneration” e approvazione schema di atto di concessione

Con il DD n. 70 – DG 1 del 29/06/20, la Regione Campania ha approvato l’ammissione al finanziamento del progetto “AgRigeneration: rigenerazione dell’agricoltura sui beni confiscati” e il relativo schema di Atto di Concessione nell’ambito dell’Avviso “Supporto alla gestione dei beni confiscati”.

DD n. 70 – DG 9 del 29/06/20
DD n. 70 – Allegato Schema Atto di concessione

L’Avviso pubblico ha inteso finanziare i progetti di imprese sociali che gestiscono beni confiscati, rafforzando nel contempo l’economia sociale al fine di garantire l’effettivo riutilizzo dei beni e la piena restituzione degli stessi alla collettività. E’ finanziato per un ammontare di € 3.613.000,00 a valere sul POR Campania FSE 2014-2020, Asse II, Obiettivo Tematico 9, Obiettivo Specifico 11, Azione 9.6.4.

Vai alla scheda dell’Avviso

Corso di Alta Formazione in Gestione delle Aziende Sequestrate e Confiscate alle Mafie (GASCOM)

La Regione Campania, Sviluppo Campania spa e il  Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni dell’Università degli Studi di Napoli Federico II  intendono rispondere alla crescente domanda di conoscenza, di competenze economiche, aziendalistiche, giuridiche e sociali del mondo delle professioni, delle Istituzioni, dell’Autorità Giudiziaria e dei manager, per affrontare le nuove sfide della criminalità economica nel campo della gestione e destinazione delle aziende sequestrate e confiscate.  L’idea si attua tramite la promozione del Corso di Alta Formazione in Gestione delle Aziende Sequestrate e Confiscate alle Mafie (GASCOM). Il Corso, che risulta essere tra i primi su un tema così delicato e specifico, persegue un approccio multidisciplinare in cui si esplorano i legami tra i diversi saperi, al fine di ricomporre con lezioni frontali ed esercitazioni, casi studio e realizzazione di un progetto concreto, la complessità della gestione delle aziende in esame, la riconversione e la ricollocazione sui sentieri dell’economia sociale.  L’obiettivo principale del Corso è quello di formare le figure professionali che operano nella filiera creata per dare nuova vita ai beni confiscati: dalla prevenzione patrimoniale e dalla confisca dei beni, alla loro successiva valorizzazione e utilizzo sociale.  La sfida è difficile, ma con gli strumenti giusti si può vincere: dimostrare che le imprese confiscate alla criminalità organizzata possano creare lavoro e ricchezza. Si tratta, cioè, di sfatare la vulgata che con l’arrivo dello Stato l’impresa muore e le persone restano disoccupate. Legalità, efficienza e competitività devono rappresentare l’obiettivo da raggiungere per garantire un futuro alle imprese confiscate. In cinque anni quasi 32 miliardi di euro sono stati sottratti alle mafie, mentre ammonta a 11,7 miliardi il totale dei beni definitivamente confiscati e la Regione Campania è da sempre in prima linea in questo settore. Si tratta di un patrimonio enorme che va gestito nel migliore dei modi per evitare che venga dissipato. Le aziende vanno analizzate, per verificare che possano continuare a vivere in condizioni di regolarità e legalità, fuori cioè dai business model mafiosi e affidate in gestione a professionisti competenti per poterle risanare e restituire definitivamente al mercato. I fenomeni criminali e segnatamente quelli di criminalità organizzata, come tutti le cose umane, mutano nel tempo adeguandosi alle esigenze cui far fronte di volta in volta. È evidente che nel corso degli anni siamo passati da un fenomeno caratterizzato da una organizzazione che operava più sul territorio in modo pregnante rispetto a quanto accade oggi che è invece rilevante l’attività posta in essere anche nel settore economico finanziario con sottili linee di confine con la politica e le istituzioni utilizzando appieno le nuove tecnologie. Il Corso di Alta Formazione in Gestione delle Aziende Sequestrate e Confiscate alle Mafie (GASCOM) messo in campo da Regione Campania, Sviluppo Campania e Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni dell’Università degli Studi di Napoli Federico II  si pone un obiettivo ambizioso, quello di formare esperti del settore che siano in grado di far continuare a vivere imprese, aziende e attività cresciute all’ombra della criminalità organizzata, mettendole a disposizione della società civile in modo da poter superare e sconfiggere quella cosiddetta area grigia composta da imprenditori, professionisti, politici, pubblici funzionari e altre figure che viene definita anche come borghesia mafiosa, composta da personaggi insospettabili i quali, sebbene non inseriti nella struttura criminale, avvalendosi di specifiche competenze professionali avvantaggiano l’associazione mafiosa. Quindi si tratta di un corso di altissima importanza sociale e di grande impatto sul territorio campano.

La misura è finanziata a valere sul POR Campania FSE 2014-2020, Asse II – Obiettivo Specifico 11 – Azione 9.6.5.

Avviso Prot. n° 0005982/E del 25/06/2020

Vai alla scheda sintetica 

Supporto alla gestione dei beni confiscati. Ammissione a finanziamento del progetto “Il bene che trasforma” e approvazione schema di atto di concessione

Con il DD n. 59 – DG 1 del 12/06/20, la Regione Campania ha approvato l’ammissione al finanziamento del progetto “Il bene che trasforma” e il relativo schema di Atto di Concessione nell’ambito dell’Avviso “Supporto alla gestione dei beni confiscati”.

DD n. 59 – DG 9 del 12/06/20
DD n. 59 – Allegato schema atto di Concessione

Si ricorda che con il DD n. 2 – DG 9 del 24/01/20, la Regione Campania aveva approvato gli elenchi dei progetti ammissibili a finanziamento e di quelli non ammessi e che lo scorso 12/05/20 erano già stati ammessi a finanziamento sei progetti.

L’Avviso pubblico ha inteso finanziare i progetti di imprese sociali che gestiscono beni confiscati, rafforzando nel contempo l’economia sociale al fine di garantire l’effettivo riutilizzo dei beni e la piena restituzione degli stessi alla collettività. E’ finanziato per un ammontare di € 3.613.000,00 a valere sul POR Campania FSE 2014-2020, Asse II, Obiettivo Tematico 9, Obiettivo Specifico 11, Azione 9.6.4.

Vai alla scheda dell’Avviso

Interventi a favore di persone in difficoltà – BONUS per Pensioni al di sotto dei 1.000 euro

Con un investimento complessivo di oltre 300 milioni di euro, a valere sui fondi strutturali europei FSE e FESR, la Regione Campania ha integrato, fino al raggiungimento di 1.000 euro, le pensioni di 170.317 pensionati campani titolari di assegni sociali, pensioni sociali e pensioni di vecchiaia integrate al minimo.

Con valuta ad oggi, 29 maggio 2019, coloro che ricevono la pensione mediante accredito su libretti postali, conti correnti e carte ricaricabili (complessivamente, quasi il 92% degli interessati) riceveranno l’integrazione della Regione Campania della mensilità di maggio. Coloro che, invece, ritirano la pensione per cassa allo sportello postale (poco più dell’8% degli interessati) potranno recarsi presso gli uffici postali a partire dal 4 giugno. In quest’ultimo caso, i pensionati che dovranno andare a ritirare il bonus regionale presso gli sportelli postali riceveranno, entro il 4 giugno, apposita comunicazione da parte di Poste Italiane.

“Giornata storica” è la definizione che il Presidente Vincenzo De Luca ha dato dell’attivazione della misura in favore delle persone in difficoltà, misura che si aggiunge a quella a sostegno dei lavoratori stagionali del turismo. Entrambe sono parte del Piano Socio Economico che la Regione Campania ha strutturato per sostenere da subito cittadini, famiglie, imprese campani colpiti dalla crisi legata all’emergenza sanitaria da Covid-19.

Anche grazie agli accordi stipulati con l’INPS, la Regione Campania ha garantito la rapida erogazione degli incentivi a tutti i destinatari per tutte le misure del Piano Socio Economico.

Per saperne di più sull’integrazione vai alla pagina e all’Informativa
Guarda il video del Presidente De Luca

 

Supporto alla gestione dei beni confiscati. Ammissione a finanziamento e approvazione Schema di Atto di Concessione

La Regione Campania ha approvato i Decreti nn. 44, 45, 46, 47, 48, 49, emanati il 12/05/20 dalla Direzione Generale n. 9, relativi all’ammissione al finanziamento di sei progetti e all’approvazione dello schema di Atto di Concessione nell’ambito dell’Avviso “Supporto alla gestione dei beni confiscati”.
Si ricorda che con il DD n. 2 – DG 9 del 24/01/20, la Regione Campania aveva approvato gli elenchi dei progetti ammissibili a finanziamento e di quelli non ammessi.

L’Avviso pubblico ha inteso finanziare i progetti di imprese sociali che gestiscono beni confiscati, rafforzando nel contempo l’economia sociale al fine di garantire l’effettivo riutilizzo dei beni e la piena restituzione degli stessi alla collettività. E’ finanziato per un ammontare di € 3.613.000,00 a valere sul POR Campania FSE 2014-2020, Asse II, Obiettivo Tematico 9, Obiettivo Specifico 11, Azione 9.6.4.

DD n. 44 – DG 9 del 12/05/2020 – Progetto “Ricicla Legale”     Allegato
DD n. 45 – DG 9 del 12/05/2020 – Progetto “L’officina dei sogni”     Allegato
DD n. 46 – DG 9 del 12/05/2020 – Progetto “G(I)USTO”     Allegato
DD n. 47 – DG 9 del 12/05/2020 – Progetto “Dulcis in fundo”     Allegato
DD n. 48 – DG 9 del 12/05/2020 – Progetto “Sete e moda contro la violenza”     Allegato
DD n. 49 – DG 9 del 12/05/2020 – Progetto “Al sorgere del sole”     Allegato

Vai alla scheda dell’Avviso

BONUS RIVOLTI ALLE PERSONE CON DISABILITÀ NON COPERTE DAL FONDO NON AUTOSUFFICIENTI – Misura 8

Con il DD n. 232 – DG 5 del 27/04/20, la Regione Campania ha approvato la Manifestazione d’interesse per l’erogazione di un bonus in favore delle persone con disabilità anche non grave, con priorità ai bambini con disabilità (anche autistica) in età scolare.

Destinatari del bonus di € 600,00 sono le persone con disabilità grave, compresi i minori anche autistici. Beneficeranno di tale bonus circa 51.000 unità, con priorità per i bambini con disabilità (anche autistica) in età scolare ed eventualmente estendibile ad altre categorie di disabili non gravi con ISEE basso.

La misura rientra nell’ambito delle iniziative della Regione Campania per fronteggiare l’emergenza Covid-19 e sostenere cittadini e imprese.
E’ finanziata a valere sul POR Campania FSE 2014-2020 Asse II, Priorità di Investimento 9.IV

Vai alla pagina con gli Avvisi degli Ambiti Territoriali

Progetto Brigata Caterina – Pizzeria e pizzaioli nella casa circondariale G.Salvia di Poggioreale Napoli. Ammissione a finanziamento

Con il DD n. 185 – DG 5 del 15/04/20 pubblicato sul BURC n. 86 del 20/04/20, la Regione Campania ha deliberato l’ammissione a finanziamento del progetto presentato dal Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – Provveditorato Regionale della Campania, denominato “Brigata Caterina – Pizzeria e Pizzaioli nella Casa Circondariale G. Salvia di Poggioreale Napoli” rivolto ai detenuti ospiti della Casa Circondariale di “Giuseppe Salvia” di Poggioreale, finalizzato all’acquisizione della qualifica di piazzaiolo,
al successivo orientamento ed accompagnamento al placement.

Il progetto è finanziato per un ammontare pari ad €. 500.000,00 a valere sul POR Campania FSE 2014-2020, Asse II, Obiettivo Specifico 7, Azione 9.2.2.

DD n. 185 – DG 5 del 15/04/20
DD n. 185 – Allegato A – Proposta di impegno
DD n. 185 – Allegato B – Schema di accordo pubblico

Continua a leggere

Catalogo Regionale P.F.A. – Percorsi formativi accessibili – Ammissibilità e non ammissibilità

COn il DD n. 152 – DG 5 del 27/03/20, pubblicato sul BURC n.59 del 30/03/20, la Regione Campania ha approvato l’elenco dei soggetti ammissibili e non ammissibili di cui all’Avviso manifestazione di interesse “Catalogo regionale P.F.A. – Percorsi Formativi Accessibili” approvato con Con il DD n. 254 – DG 5 del 15/07/19 e il DD n. 320 – DG 5 del 05/08/19 nell’ambito del POR Campania FSE 2014-2020, Asse II – Obiettivo Specifico 7 – Azione 9.2.1.

DD n. 152 – DG 5 del 27/03/20
DD n. 152 – Allegato

Vai agli Avvisi

Supporto alla gestione dei beni confiscati – Approvazione elenchi progetti ammissibili e non ammessi

Con il DD n. 2 – DG 9 del 24/01/20, pubblicato sul BURC n. 6 del 27/01/20, la Regione Campania ha preso atto delle risultanze della Commissione di Valutazione e ha approvato gli elenchi dei progetti ammissibili a finaziamento e non ammessi nell’ambito dell’Avviso “Supporto alla gestione dei beni confiscati” e finanziato a valere sul POR Campania FSE 2014-2020, Asse II, Obiettivo Tematico 9, Obiettivo Specifico 11, Azione 9.6.4

DD n. 2 – DG 9 del 24/01/20
DD n. 2 – Allegato A – Progetti ammissibili a finanziamento
DD n. 2 – Allegato B – Istanze non ammesse

Vai alla scheda

 

15/05/20 – Ammissione a finanziamento e approvazione schema Atto di Concessione DD nn. 44-49

III CONFERENZA NAZIONALE SULLA SORDITA’ – Napoli, Hotel Ramada 20-22 febbraio 2020

Il 20-21-22 febbraio, presso l’Hotel Ramada in via G.Ferraris a Napoli, l’Ente Nazionale Sordi – Onlus organizza la III Conferenza Nazionale sulla Sordità, Nuove prospettive tra progresso scientifico e tutela sociale
Aspetti medici, psicologici, educativi e riabilitativi con il patrocinio della Regione Campania.

La Conferenza si pone l’obiettivo di fornire un quadro scientifico aggiornato sulla sordità e sulle diverse tematiche – mediche, riabilitative, didattiche, sociali e assistenziali – correlate. Interverranno, tra gli altri, il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, il Presidente della Giunta Regionale della Campania Vincenzo De Luca e l’Assessore Regionale all’Istruzione, alle Politiche sociali e alle Politiche Giovanili Lucia Fortini.

“Nella tre giorni di Napoli – spiega il Presidente Nazionale ENS Giuseppe Petrucci – cercheremo di far emergere tutte le sfaccettature della comunità sorda, la multidimensionalità della sordità e la necessità di adottare un approccio integrato. Perché la vera inclusione – conclude Petrucci – non passa da pregiudizi o antagonismi, ma dal promuovere una nuova cultura sulla disabilità e dal mettere al centro di tutto la persona nella sua unicità e globalità”.

Nella Conferenza verranno proposti e dibattuti temi scientifici a carattere innovativo ed altri su cui è importante porre l’attenzione e fornire adeguati aggiornamenti. Si parlerà, ad esempio, di screening, diagnosi, prevenzione, Lingua dei Segni, bilinguismo, prospettive riabilitative per i bambini sordi, ricerche genetiche sulla sordità, tecnologie assistive, interventi e ausili, come l’impianto cocleare, le protesi impiantabili e le protesi acustiche, divenute ormai veri e propri minicomputer auricolari. Il programma è rivolto a medici e tecnici in ambito multidisciplinare (otorinolaringoiatri, audiologi, pediatri, medici legali, psicologi, medici di base, tecnici audiometristi, audioprotesisti, logopedisti), alle persone sorde, ai loro familiari e agli addetti ai lavori, per l’individuazione di necessità e soluzioni e per l’avvio di iniziative di supporto socio-sanitario.

La Conferenza è stata promossa dalla Regione Campania nell’ambito del POR Campania FSE 2014-2020. Alla conferenza è presente un corner informativo del POR Campania FSE.

Scarica il programma
Per saperne di più

Alcuni momenti della Conferenza

20200220_151023

 

?

DSCN0307


DSCN0314

DSCN0385
DSCN0393 DSCN0397                                                                                                                                                                                              ?

?